/ News

"Quando mi è stato proposto di realizzare un film sulla politica linguistica del fascismo ho pensato che fosse un argomento inedito molto interessante e insieme alla linguista Valeria Della Valle, ho cominciato a pensare a come renderlo visivo", spiega Vanni Gandolfo, regista di Me ne frego!, uno dei tre "punti Luce" accesi  a Venezia per celebrare i 90 anni dell'Istituto Luce.  "L'Italia della Marcia su Roma è un paese povero e ignorante che parla una miriade di dialetti e Me ne frego! parla di questo, di un esperimento di manipolazione messo in atto per uniformare la lingua degli italiani, dimenticandosi che la lingua delle persone non è una divisa che si indossa".
 

Il documentario, realizzato con i materiali dell'Archivio Luce, narra un’avventura poco conosciuta: il tentativo del fascismo di creare una lingua unica, un “italiano nuovo” adeguato ai dogmi della dittatura. Tra neologismi, indottrinamento scolastico e repressione delle diversità. Un insieme di voci, propaganda e citazioni da testi d'epoca, che raccontano la follia e l'inevitabile disfatta, attraverso le parole del duce, l’indottrinamento dell’infanzia, la repressione di tutto ciò che era diverso rispetto all’ideale dell’italiano nuovo che doveva adeguarsi al dogma di “credere, obbedire, combattere”. 

Guarda il trailer: 


Vedi anche

VENEZIA 2014

Ad Ad