/ News

LOS ANGELES. Giornata memorabile, ieri  a Hollywood, per il cinema italiano che ha regalato a Sophia Loren una standing ovation nel tempio degli Oscar® e a Giuseppe Tornatore, appena festeggiato con il restauro di Nuovo Cinema Paradiso, ancora un’emozione con la mostra celebrativa dei primi 25 anni del suo film più amato.
All’AFI Festival la serata Loren con la proiezione de La voce umana di Edoardo Ponti e Matrimonio all’italiana per festeggiare ancora una volta un compleanno davvero importante, all’Istituto Italiano di Cultura il taglio del nastro per la Mostra che Ninni e Ida Panzera hanno dedicato ai memorabilia - manifesti, fotografie, oggetti e costumi- di 'Cinema Paradiso', un titolo chiave nelle manifestazioni organizzate da Luce Cinecittà a Los Angeles per il decennale di Cinema Italian Style, dedicato a Franco Cristaldi, guest star Giuseppe Tornatore che ha aperto la maratona americana poche sere fa con il restauro in digitale del film realizzato (ancora da Luce Cinecittà con la Cineteca di Bologna e il prezioso contributo di Dolce e Gabbana).

Molta emozione per Sophia Loren, in gran forma, al Dolby Theatre: Hollywood l’ha accolta con un applauso affettuoso e al calore della serata la diva italiana più amata nel mondo ha risposto generosamente, regalando aneddoti e confidenze sulla carriera condivisa con i registi e i grandi attori americani, da Marlon Brando sul set di Charlie Chaplin a Cary Grant, ma anche sul rapporto speciale avuto con Marcello Mastroianni e Vittorio De Sica, il regista de La ciociara, ricordato così anche a Los Angeles nel giorno del quarantesimo anniversario dalla morte.
Momento di confidenza familiare e di autentica commozione l’ingresso in palcoscenico di Edoardo Ponti, che all’affetto di una madre come Sophia ha risposto con la regia di un film speciale come la rilettura condivisa con Erri De Luca de La voce umana. “E’ un monologo ma riproporlo in questa versione è stato un autentico tour de force” ha raccontato la Loren ricordando tra l’altro un film emozionante come L’amore, episodio rosselliniano che, ha detto, “mi ha dato una forte ispirazione”.

Con grande affetto Edoardo Ponti ha ricordato il legame speciale che Sophia ha dedicato con tutto il cuore ai suoi figli: “Questo film - ha detto - è sinceramente il minimo che potessi fare per ricambiare una madre così e sono sinceramente molto grato all’AFI Fest per l’omaggio di questa serata: spesso in quest’ambiente si finisce per ammirare, addirittura idolatrare le persone sbagliate, ma non stasera”.
Ad applaudire Sophia Loren Giuseppe Tornatore e tutta la delegazione di Cinema Italian Style 2014, a cominciare da Paolo Virzì, con la giovane protagonista del suo film, Matilde Gioli che apre stasera la rassegna italiana all’Egyptian Theatre, con Francesco Scianna, per il lancio de Il capitale umano. Sul red carpet arrivano anche Pif e Francesco Munzi. (Laura Delli Colli)

Vedi anche

ACTORS

Ad Ad