/ News

 

LOS ANGELES -  Aero Theatresold outperCinema Italia Styleche, dopo la ‘prima’ hollywoodiana diDogmanha inaugurato conA casa tutti benediGabriele Muccinola selezione italiana di un’edizione partita con gli applausi per il film di Matteo Garrone  - in corsa per gli Oscar - e da ieri sera entrata nel vivo con le proiezioni dei nove film e dei cortometraggi quest’anno in rassegna. Aspettando stasera Valeria Golino per l’attesissima proiezione diEuforia,del quale è regista, è stataSabrina Impacciatore, in rappresentanza del cast corale del film di Muccino, la protagonista della prima serata della rassegna di Luce Cinecittà, promossa con l’American Cinematheque. “Gabriele è uno dei più talentuosi registi italiani e con questo film è tornato a casa dopo gli anni americani inaugurati dai film con Will Smith” ha ricordato l’attrice, festeggiata dal pubblico del cinema che ospita Cinema Italian Style fino a  domenica prossima. “Con questa storia, tra risate e litigi, sorrisi e vecchi conti in sospeso, Gabriele ha messo a nudo con il suo stile inconfondibile una grande famiglia e ancora mi emoziona pensare al momento in cui mi ha chiesto non solo di interpretare il film“ ha raccontato la Impacciatore “ma anche di collaborare alla sceneggiatura”. Diretto e scritto  (con Paolo Costella) da Muccino, impegnato in questi giorni in Italia nella preparazione del suo nuovo film,A casa tutti beneche ha avuto grande successo nelle sale italiane racconta come la festa delle Nozze d’Oro dei nonni diventa, sull'isola d’Ischia bloccata imprevedibilmente dal maltempo, l’occasione per una foto di gruppo che fa emergere gelosie e fantasmi del passato. 

Si parla di famiglia, in questo caso di due fratelli molto diversi che la vita riunisce e mette a confronto in una drammatica emergenza anche nel film cheValeria Golino, ancora una volta regista presenta stasera nel secondo appuntamento della rassegna: “Sono particolarmente felice di tornare a Los Angeles dove anche la mia prima regia,Miele, con Jasmine Trinca era stata accolta con grande calore. E mi emoziona aver ricevuto proprio qui da Cinema Italian Style l’omaggio di una ‘Chiave di Cinecittà’ che mi onora e che ha un significato importante anche per questo film: quando riceviamo un premio è un segno di consenso ma soprattutto un’indicazione precisa, perché vuol dire che si sta lavorando bene”.

Tra i primi titoli in rassegna ancheUna storia senza nomediRoberto Andòe dopoEuforia,La terra dell’abbastanza,Come un gatto in tangenziale, Napoli velatae in chiusura della rassegnaNome di donna,e, finalmente in America, la  versione internazionale diLorodiPaolo Sorrentino.

Vedi anche

CINEMA ITALIAN STYLE

Ad Ad