/ News

 

Tra i 65 film ammessi alla selezione ufficiale deiNastri d’Argento-Doc, ben 16 sono opere prodotte e/o distribuite da Istituto Luce Cinecittà. In particolare 10 sono i titoli presenti nella categoria Cinema del reale: 1938: quando scoprimmo di non essere più italiani di Pietro Suber,Arrivederci Saigon di Wilma Labate, Bulli e pupe - Storia sentimentale degli anni cinquanta di Steve Della Casa, Chiara Ronchini, Butterfly di Alessandro Cassigoli, Casey Kauffman,Come vincere la guerra di Roland Sejko,Conversazioni atomiche di Felice Farina,Diario di tonnara di Giovanni Zoppeddu, Giosetta Fioroni - Pop sentimentale di Gabriele Raimondi, Il mare della nostra storia di Giovanna Gagliardo,Ora e sempre riprendiamoci la vita di Silvano Agosti.

Sono invece 6 i titoli presenti nella categoria Cinema e spettacoli: Armando Trovajoli - Cent’anni di musica di Mario Canale, Annarosa Morri, Ho rubato la marmellata - Vita di un artista politicamente scorretto di Gioia Magrini, Roberto Meddi, Muse e dei di Gianfrancesco Lazotti,“Sono Gassman!” Vittorio re della commedia di Fabrizio Corallo (coprodotto anche da Luce Cinecittà),The Fabulous Trickster - In viaggio con Antonio Infantino di Luigi Cinque eThe King of Paparazzi - La vera storia di Giancarlo Scarchilli e Massimo Spano.

Nei prossimi giorni verranno annunciati i film finalisti dei Nastri d’Argento-Doc, poi vincitori, anche di una ‘cinquina’ speciale dedicata per la prima volta, quest’anno, ad una scelta di film-evento sull’Arte che hanno conquistato con particolare successo anche il pubblico delle sale. I finalisti saranno annunciati nei prossimi giorni e i premi saranno consegnati mercoledì 27 febbraio prossimo a Roma, ancora una volta nello spazio WEGIL in Largo Ascianghi.

Leggi la lista dei titoli - con i 5 eventi d’Arte, 40 titoli di ‘cinema del reale’ e 20 dedicati a Cinema e Spettacolo - che i Giornalisti Cinematografici annunciano ricordando che la preselezione (coordinata dal delegato Sngci per documentari e cortometraggi, Maurizio di Rienzo) riguarda per regolamento film proposti nell’anno solare (2018) da Festival e rassegne, e/o diffusi poi in sala o su un canale tv o in dvd.

Si tratta di film che riguardano, oltre il ‘Cinema del reale’, anche la memoria dello Spettacolo in cui è sempre più incisivo il ruolo del documentario nella documentazione storica sul cinema. E’ stata invece per quest’anno esclusa come una vera e propria sezione l’esperienza della docufiction d’autore, una declinazione del racconto cinematografico che, a giudizio del Sindacato, appare in quest’edizione solo nell’ambito della cinquina sugli eventi d’Arte, tra i film sui grandi artisti, che hanno sorpreso per l’accoglienza del pubblico, oltre la forte capacità divulgativa attraverso il linguaggio del cinema.

Vedi anche

NASTRI

Ad Ad