/ News

Milano, 12 Dicembre 1969. Un venerdì. Alle 16:30 circa un ordigno di elevata potenza esplode nel salone centrale della Banca Nazionale dell’Agricoltura a Milano, in Piazza Fontana. Gli effetti sono devastanti: il salone è completamente distrutto. Diciassette persone restano uccise. Ottantotto ferite. È il più grave attentato terroristico mai compiuto in Italia dalla nascita della Repubblica. Cinque minuti prima dell’esplosione in Piazza Fontana, infatti, un altro ordigno viene rinvenuto inesploso nella sede della Banca Commerciale di Piazza della Scala sempre a Milano. Effettuati i rilievi previsti, la bomba viene fatta brillare, distruggendo in tal modo elementi probatori di possibile importanza per risalire all’origine dell’esplosivo e a chi aveva preparato gli ordigni.

Il documentario di Mary Mirka Milo La strage di Piazza Fontana - E le bombe a Roma, prodotto da Light History e distribuito da Luce Cinecittà, si propone di gettare una nuova luce sulla strage ricollegandola alle tre bombe esplose a Roma nella stessa giornata. Cinque attentati che nell’arco di sessanta minuti hanno colpito contemporaneamente le due maggiori città d’Italia.

L’attentato alle due banche milanesi rappresenta, infatti, la prima parte di un piano criminale, completato nella stessa giornata nella capitale. A Roma, alle ore 16:55, alle 17:22 e alle 17:30 esplodono tre bombe rispettivamente alla Banca Nazionale del Lavoro, all’Altare della Patria ed al Museo del Risorgimento. La bomba che esplode nella Banca Nazionale del Lavoro è nascosta dietro i tubi dell’impianto termico, nel passaggio sotterraneo che collega l’entrata di ViaVeneto con quella di Via di San Basilio. I feriti sono quattordici. Tra loro Maura Mazzerioli, 29 anni incinta di quattro mesi che viene ricoverata al Policlinico Umberto I per le ferite riportate durante l’attentato. La sua testimonianza ci permetterà di ricostruire cosa è accaduto in quei drammatici momenti. 

In occasione del tragico anniversario, il film documentario è disponibile dal 5 dicembre on demand su CG Digital, iTunes, GPlay, Chili TV, TimVision, VatiVision.

Vedi anche

VOD