/ News

Riprese in corso per il documentario Spazio Italiano - 60 anni alla scoperta dell'Universo, prodotto da Istituto Luce-Cinecittà, in cui Marco Spagnoli racconta il contributo dell’Italia alla grande epopea dell’esplorazione dello Spazio. Anche la Sardegna è stata coinvolta nelle riprese con il racconto di  luoghi straordinari come il Sardinia Radio Telescope di San Basilio e l’Osservatorio Astronomico di Cagliari, grazie al sostegno della Fondazione Sardegna Film Commission della Regione Autonoma della Sardegna che sta assistendo la produzione per gli aspetti logistici e le relazioni sul territorio. Tra le altre location coinvolte, la miniera Sos Enattos di Lula, la grotta Sa Oche e Su Bentu e la valle di Lanaittu a Oliena, il complesso nuragico Sa Sedda e Sos Carros di Oliena, le tombe dei giganti Madau a Fonni. 

"L'esperienza aerospaziale italiana è ancora tutta da raccontare ed è certamente fonte di ispirazione per le più giovani generazioni - conferma l'Assessore regionale alla Pubblica Istruzione Andrea Biancareddu - Siamo felici che la Sardegna ritrovi la giusta centralità nella memoria sociale italiana come terra di ricerca, di scoperta e di talenti. L'investimento sul Cinema che la Regione Sardegna conferma di anno in anno, ritenendolo essenziale strumento di promozione culturale, conoscenza storica e divulgazione scientifica prova ancora una volta la sua validità. Siamo fiduciosi che ulteriori frutti dal documentario arriveranno presto, non solo dalla promozione nei principali festival internazionali ma anche dalla diffusone in tutte le scuole dell'isola".

Scritto dal regista insieme a Francesco Rea, il documentario, la cui uscita è prevista per l'estate 2021, racconta una storia lunga, avventurosa, ricca di protagonisti, e soprattutto decisiva più di quanto non sia noto. È il 15 gennaio 1964, a bordo di uno Scout 4 dalla base statunitense di Wallaps Island in Virginia ha inizio l’avventura italiana nello spazio. Su quel vettore c’è infatti il primo satellite San Marco, nella sala di controllo a gestire le intere fasi del lancio c’è il team italiano che ha dato vita alla missione. L’Italia diviene così il terzo paese al mondo a mettere in orbita in piena autonomia un satellite, dopo USA e URSS. Lo spazio italiano viene dunque da lontano, ma soprattutto guarda lontano. Alla Luna e a Marte, ma anche allo spazio commerciale in orbita bassa, mettendo a frutto decenni di ricerca e sviluppo che hanno fatto del nostro paese uno dei pochi al mondo a possedere le capacità dell’intera filiera spaziale, dal vettore al satellite o struttura spaziale da mettere in orbita, sonda da inviare nello spazio profondo. Un’avventura italiana fatta di genio e intuizione, umanità e passione. Un’avventura da vedere e da vivere.

Il film - che si si avvale della narrazione di due inediti appassionati come Ficarra & Picone - è prodotto da Istituto Luce-Cinecittà, con il Patrocinio di Agenzia Spaziale Italiana, MIC - Direzione Generale Cinema e Audiovisivo, Roma Capitale e con il sostegno di Thales Alenia Space, CIRA, Altec, Sardegna Film Commission, Lucana Film Commission, Aeronautica Militare Italiana.

 

VEDI ANCHE: 'Spazio Italiano’, l'Universo narrato da Ficarra & Picone

Vedi anche

PRODUZIONE

Ad Ad